RASSEGNA “ARISTON ESTATE”: DIECI “CULT MOVIES” PER IL 50ESIMO
ANNIVERSARIO DE LA CAPPELLA UNDERGROUND, “INCONTRI CON UOMINI
STRAORDINARI” DI PETER BROOK TRATTO DAL ROMANZO AUTOBIOGRAFICO DI
GURDJIEFF AL CINEMA ARISTON LUNEDÌ 12 AGOSTO

Nell’ambito della rassegna cinematografica “ARISTON ESTATE”, La
Cappella Underground festeggia al cinema Ariston il 50esimo
anniversario della fondazione con un ciclo di dieci “Cult Movies”, in
programma sul grande schermo della sala d’essai di Viale Romolo Gessi
n. 14 a Trieste ogni lunedì dall’8 luglio al 9 settembre. In
cartellone dieci lungometraggi, tutti in versione originale
sottotitolata, rappresentativi degli autori e delle tendenze
artistiche che hanno contrassegnato la programmazione del cineclub
triestino e dell’Ariston nel periodo pionieristico dai primi anni ‘70
all’inizio degli anni ‘90.

Il sesto titolo del ciclo “Cult Movies”, in programma al cinema
Ariston lunedì 12 agosto alle ore 17.00, 19.00 e 21.00, è “Incontri
con uomini straordinari “ (Meeting with remarkable Men, 1979, 108′,
versione originale sottotitolata) del regista britannico Peter Brook,
tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Georges Ivanovič
Gurdjieff: il film racconta della prima parte della vita di Gurdjieff
in Medio Oriente, attraverso alcuni momenti chiave, incontri con
maestri spirituali e idee che poi andranno a formare la sua dottrina e
saranno le basi del suo insegnamento. Durante il suo pellegrinaggio,
negli anni tra il 1887 e il 1907, alla ricerca della misteriosa
Confraternita di Sarmung, accederà a nuovi livelli di spiritualità
attraverso la musica, la danza e l’intima percezione della morte.
Durante la fase preparatoria e le riprese, Brook fu costantemente
affiancato da una delle principali discepole ed eredi del pensiero di
Gurdjieff, Madame Jeanne de Salzmann.

Il programma completo della rassegna: “Il coltello nell’acqua” (Nóz w
Wodzieta, Polonia, 1962) di Roman Polanski (8 luglio); “Trafic”
(Francia, 1971) di Jacques Tati (15 luglio); “Il fascino discreto
della borghesia” (Le charme discret de la bourgeoisie, Francia, 1972)
di Luis Buñuel (22 luglio); “Alice nella città” (Alice in den Stadten,
Germania, 1973) di Wim Wenders (29 luglio); “Provaci ancora, Sam”
(Play It Again, Sam, USA, 1972) di Herbert Ross (5 agosto); “Incontri
con uomini straordinari” (Meetings with Remarkable Men, Regno Unito,
1979) di Peter Brook (12 agosto); “Fitzcarraldo” (Germania, 1981) di
Werner Herzog (19 agosto); “Velluto blu” (Blue Velvet, USA, 1986) di
David Lynch (26 agosto); “Let’s Get Lost” (USA, 1988) di Bruce Weber
(2 settembre); “Close Up” (Iran, 1990) di Abbas Kiarostami (9
settembre).